La Breccia a Porta Pia - Banner
  • Camera Blu
  • Camera Rossa
  • Suite Verde
  • Affaccio sul Parco
  • Camera Rossa
  • Sala da Pranzo
  • Cucina
  • Cucina
  • La Breccia a Porta Pia
Camera Azzurra1 Camera Rossa2 Suite Verde3 Affaccio sul Parco4 Camera Rossa5 Sala da Pranzo6 Cucina7 Cucina8 La Breccia a Porta Pia9
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni > I luoghi

Come arrivarci

     

Partenza

   

A piedi

 

200 m

Destinazione

 

Viale Regina Margherita

Linea

 

80

Direzione

 

Partigiani

Fermate

 

4

Arrivo

 

San Claudio

A piedi

 

150-200 m

Descrizione

La Fontana di Trevi è la più grande e una fra le più note fontane di Roma; è considerata una delle più celebri fontane al mondo.
Progettata da Nicola Salvi e adagiata su un lato di Palazzo Poli, è stata inaugurata nel 1735 e lo stile architettonico appartiene al tardo barocco. Secondo molti è il monumento più bello di Roma.
Come altre fontane monumentali il suo compito era in origine quello di "mostrare" l'acqua, di mettere in evidenza, cioè, lo splendore e l'efficienza degli acquedotti dell'antica Roma. In particolare,
Fontana di Trevi esercitava la sua bella funzione di "mostra" dell'acqua vergine (Aqua Virgo) che, tramite l'omonimo acquedotto, veniva trasportata in città a partire dalla sorgente ubicata al decimo chilometro della via Collatina.
Il nome "Trevi" fa riferimento alla vicina chiesa di Santa Maria in Trivio.

Cosa vedere qui

  • la fontana, naturalmente,  con al centro la statua di Oceano, alla guida di un cocchio a forma di conchiglia, trainato da cavalli alati, a loro volta condotti da tritoni. Ai lati di Oceano le statue della Salubrità e dell'Abbondanza (e, in effetti, l'acqua di Roma è buona e tanta!).

Cosa vedere partendo da qui

Curiosità

Il barbiere importuno
Sembra che l'architetto Salvi si recasse da un barbiere che aveva un negozietto sulla destra della fontana. Il barbiere era piuttosto lamentoso e si lagnava con il
Salvi a causa del prolungarsi dei lavori. Inoltre non lesinava su critiche e consigli non richiesti. Sembra che Nicola Salvi, esasperato, abbia deciso di costruire proprio sulla balaustra della fontana, di fronte alla bottega, un enorme vaso che nascondesse agli occhi pignoli del barbiere lo svolgersi dei lavori. Il vaso, che non ha riscontro simmetrico sull'altro lato della fontana, è chiamato "Asso di Coppe", a causa della somiglianza con l'omonima carta da gioco.

Le monetine
E' usanza per i turisti che visitano Roma, buttare una monetina nella fontana, allo scopo di garantirsi un ritorno sicuro nella città eterna. Affinché il sogno si realizzi occorre però che il rituale venga compiuto secondo regole precise. Le modalità sono due:
Modalità n. 1

occorre gettare la moneta ponendo la mano destra sulla spalla sinistra

Modalità n. 2

occorre gettare tre monete: una per tornare a Roma, una per incontrare l'amore, la terza per sposarsi.

E poi non dite che non siete stati avvisati!
Come, come? Non credete alle leggende? Beh, le monete lanciate nella fontana vengono raccolte ogni giorno e utilizzate per scopi benefici, per cui questo piccolo gesto è consigliato anche ai più scettici: alla fine è sempre un modo per incontrare l'amore.

B&B La Breccia a Porta Pia - Via Cagliari 11 - 00198 Roma (RM)
Torna ai contenuti | Torna al menu