La Breccia a Porta Pia - Banner
  • Camera Blu
  • Camera Rossa
  • Suite Verde
  • Affaccio sul Parco
  • Camera Rossa
  • Sala da Pranzo
  • Cucina
  • Cucina
  • La Breccia a Porta Pia
Camera Azzurra1 Camera Rossa2 Suite Verde3 Affaccio sul Parco4 Camera Rossa5 Sala da Pranzo6 Cucina7 Cucina8 La Breccia a Porta Pia9
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni > I luoghi

Come arrivarci

     

Partenza

   

A piedi

 

200 m

Destinazione

 

Viale Regina Margherita

Linea

 

80

Direzione

 

Partigiani

Fermate

 

4

Arrivo

 

San Claudio

A piedi

 

600 m

Descrizione

Il Pantheon (dal greco Πάνθεον  Pántheon, "[tempio] di tutti gli dei") è uno degli edifici meglio conservati di Roma antica. Fu costruito nel 27 a.C. da  Marco Vipsanio Agrippa (il cui nome appare nella dicitura alla base del frontone) e fatto ricostruire dall'imperatore Adriano tra il 118 e il 128 d.C..

Originariamente dedicato a sette divinità planetarie, è stato convertito nel VII secolo in basilica cristiana con il nome di Santa Maria della Rotonda (o ad Martyres). "Rotonda" (o, meglio, "Rotonna") è l'appellativo dato al Pantheon dai cittadini romani; da esso deriva anche il nome della piazza antistante.

All'interno della basilica sono presenti tombe di personaggi illustri: Raffaello Sanzio, Vittorio Emanuele II, Umberto I e Margherita di Savoia.

Cosa vedere qui

  • l'«occhio», la grande apertura circolare al centro della cupola, unica fonte di luce se togliamo la porta di accesso.

  • tombe dei personaggi ivi sepolti

  • Piazza della Rotonda, con la fontana rinascimentale di Giacomo della Porta, successivamente modificata su progetto di Filippo Barigioni e sormontata dall'"obelisco macuteo", monolite egiziano dei tempi di Ramses II, il cui appellativo deriva da Piazza San Macuto, luogo del suo ritrovamento, avvenuto nel XIV secolo.

Cosa vedere partendo da qui

Curiosità

I segreti dell'"occhio"
L'
«occhio» è la "finestra" posta al centro della cupola del Pantheon. Ha un diametro di 9 metri e presenta svariate e affascinanti caratteristiche:

  • nel passato costituiva simbolicamente una porta di comunicazione con le divinità, cui il tempio era dedicato

  • il Sole, a mezzogiorno degli Equinozi, proietta un raggio di luce che "taglia" il cornicione di separazione tra cupola e aula, in analogia al fenomeno astronomico che "taglia", negli stessi giorni, l'equatore celeste

  • come racconta la tradizione, sembra davvero che l'acqua non entri, quando piove. Il fenomeno può essere spiegato con l'aiuto della fisica, grazie al crearsi del cosiddetto "effetto camino". Si sviluppano, infatti, correnti ascensionali che trasformano le goccioline di pioggia in vapore. C'è da dire, comunque, che i fori di scolo presenti nel pavimento aiutano parecchio...

I due frontoni
E' difficile poterlo vedere dalla piazza ma in realtà i frontoni del Pantheon sono due. Quello nascosto è situato circa tre metri sopra quello visibile. E' probabile che nella progettazione il Pantheon dovesse essere più alto. I motivi del ripensamento? Forse è stata sbagliata l'altezza delle colonne o è stato impossibile reperire monoliti alti come quelli inizialmente previsti.
A proposito: il granito delle colonne proviene dalle cave egiziane di Assuan.


Storia, miti, dèi
Sembra che il Pantheon sorga nel punto in cui Romolo, leggendario fondatore di Roma, sparì agli occhi degli uomini divenendo una divinità.
Sembra anche che esso fu costruito in base a un progetto architettonico fornito addirittura da una dea: Cibele apparve, infatti, ad Agrippa, chiedendogli la costruzione di un Tempio in Suo onore e offrendogliene perfino il modello.

Fantasmi

Tra le tombe dei grandi personaggi, le cui spoglie sono ospitate nel Pantheon, è presente quella di Umberto I, il re d'Italia ucciso nel 1900 a Monza. Pare che il fantasma, evidentemente ancora inquieto a causa dell'episodio violento di cui fu vittima la sua forma umana, si ripresenti qui saltuariamente. L'apparizione più famosa è avvenuta negli anni '30; il fantasma affidò un messaggio segreto a una guardia, bruciandole, a mo' di ricordo, la manica dell'uniforme. E il messaggio quale era? Nessuno lo sa... altrimenti che segreto sarebbe?

B&B La Breccia a Porta Pia - Via Cagliari 11 - 00198 Roma (RM)
Torna ai contenuti | Torna al menu